La dermoabrasione viene effettuata per andare a levigare e ridurre, quelli che sono gli intestetismi dovuti all’invecchamento cutaneo e alle conseguenti rughe del viso, micro o profonde. Non è un trattamento doloroso e non è invasivo, utilizzato da molte persone per ridurre quanto possibile ogni tipo di inestetismo cutaneo.

Che cos’è e come funziona?

La dermoabrasione ha il potere di andare a correggere tutti quelli che sono gli inestetismi dovuti all’invecchiamento cutaneo, come microrughe e rughe profonde.

E’ una tecnica che può essere usata sia in chirurgia e medicina estetica e si occupa di andare a rimuovere, in maniera controllata, lo stato superficiale della pelle eliminando le cellule morte e effettuando una manovra di rigenerazione di quelle nuove. Corregge ed elimina gli inestetismi, lavorando sui tessuti e regalando al viso una nuova idratazione e compattezza.

Per effettuare la dermoabrasione, si consiglia di rivolgersi a medici professionisti, che utilizzino macchinari altamente sofisticati e controllati, in aree idonee. Per la dermoabrasione verrà utilizzato l’apposito strumento, denominato dermoabrasore, che va ad eliminare lo strato superficiale della pelle.

Il dermoabrasore è composto da una testa rotante e lo si può trovare in varie forme e di vari materiali, come:

  • micro spazzole di acciaio
  • micro spazzole diamantate

La rotazione della testina è velocissima, grazie a dei motori che le permettono questo movimento: sono gli stessi utilizzati per il trapano del dentista. Una volta che lo strumento viene azionato, sarà il medico ad effettuare una pressione sulle zone, che si desidera trattare.

Questa pressione non dovrà raggiungere la zona più profonda, bensì quella superficiale; una mossa errata comporterebbe un danneggiamento permanente della pelle, creando cicatrici e solchi. Il medico competente, saprà esattamente come esercitare la pressione, a seconda della zona del viso interessata in quel momento, escludendo zone di non interesse.

Anche se, come accennato, la dermoabrasione non risulta essere invasiva e dolorosa, deve essere comunque considerata al pari di un intervento chirurgico lieve. Di norma, l’intervento viene effettuato in anestesia locale, con un day hospital; solo in alcuni casi, il medico consiglierà l’anestesia totale. La durata è stimata di circa un’ora. Successivamente all’intervento, si noterà un sanguinamento della zona di interesse, dovuto alla pressione che scomparirà dopo poco tempo. La medicazione che il medico, andrà ad applicare, dovrà essere ripetuta ad intervalli di tempo prestabiliti, al fine di poter ottenere risultati ottimi.

A distanza di un massimo di tre mesi, la procedura di guarigione è terminata e si potranno notare i miglioramenti della pelle, con la conseguente eliminazione di tutti quelli che erano gli inestetismi, come le rughe profonde.