Rughe naso labiali: cosa sono, come si formano, cause e rimedi

Con il passare del tempo, si sa, il corpo subisce delle mutazioni causate dall’invecchiamento fisiologico che colpisce chiunque di noi in modo più o meno marcato. Certo, uno stile di vita sano e un buon makeup possono ritardare e camuffare i primi segni dell’invecchiamento che appaiono soprattutto sul viso, ma è indubbio che intorno ai trent’anni si manifestino le prime rughe principalmente nella zona che si trova tra l’attaccatura del naso e il labbro inferiore.

Nello specifico, si tratta delle cosiddette rughe naso labiali – o anche dette a codice a barre essendo caratterizzate da piccole linee verticali ravvicinate – che possono riguardare anche la zona tra le labbra e le guance andando a conferire al viso un aspetto provato, meno luminoso, privo di tono e più stanco di quanto in effetti lo sia davvero.

Ciò, spesso, causa disagio e preoccupazione, soprattutto nelle donne, perché ne risente in maniera negativa tutta l’espressività del viso e la presenza di questo specifico tipo di rughe evidenzia ancora più di altre il passare del tempo.

Cosa fare allora per cercare di limitare o per eliminare le rughe naso labiali? È necessario ricorrere alla chirurgia estetica per risolvere il problema rischiando di assumere poi un’espressione completamente artefatta oppure esistono esercizi di ginnastica facciale o rimedi naturali efficaci per risolvere il problema e, eventualmente, duraturi nel tempo?
Vediamo, quindi, di entrare più nello specifico del problema andando a capire quali sono le cause della formazione di questo tipo di rughe, come e se è possibile eliminarle.

COSA CAUSA LA FORMAZIONE DELLE RUGHE NASO LABIALI?

Non esiste un solo motivo alla base della formazione delle rughe naso labiali perché alla loro origine concorrono un insieme di fattori fisiologici, ambientali e collegati al proprio stile di vita che, insieme, portano alla formazione più o meno precoce o marcata di tutti i tipi di rughe e di queste nello specifico.

– Perdita di tono e di elasticità: si tratta della prima e principale causa che sta alla base della nascita delle rughe naso labiali e non solo. Infatti, con il passare progressivo del tempo, la pelle di ognuno di noi subisce una graduale perdita di collagene, quella speciale proteina che si trova all’interno del tessuto connettivo sottocutaneo e che garantisce compattezza ed elasticità alla pelle. Con l’avanzare dell’età il nostro corpo produce sempre meno collagene e, conseguentemente, perdendo la sua proteina strutturale più importante, diventa privo di tono fino a conferire alla pelle, soprattutto quella del viso, un aspetto stanco e invecchiato.

– Espressioni facciali: quante volte abbiamo sentito parlare delle cosiddette rughe d’espressione? Ebbene, se la perdita di tono e di elasticità della pelle è una causa comune a tutti i tipi di rughe, nel caso di quelle naso labiali le contrazioni muscolari che derivano dai corrugamenti prodotti dai nostri stati d’animo – quando ridiamo, parliamo o semplicemente esprimiamo i nostri sentimenti più vari – favoriscono la formazione delle rughe sul volto e, nello specifico, quelle tra naso e bocca o tra naso e guance.

– Stile di vita: causa principale di altre note problematiche più o meno gravi, uno stile di vita scorretto aumenta notevolmente la possibilità che le rughe in generale e quelle naso labiali in particolare si formino prima del tempo e in maniera più marcata. È stato ampiamente dimostrato, infatti, che fumare, esagerare con gli alcolici, dormire poco, seguire una dieta sbagliata, essere sotto stress ed esporsi al sole nelle ore sbagliate e per un tempo prolungato siano tutti fattori che danneggiano la nostra pelle favorendo la comparsa delle rughe e l’invecchiamento precoce.

RIMEDI PER ELIMINARE LE RUGHE NASO LABIALI

Per quanto riguarda le rughe naso labiali, le soluzioni valide per mimetizzarle, attenuarle o eliminarle sono molteplici, a partire da un buon trattamento cosmetico utile a nasconderle fino ad arrivare a veri e propri interventi meccanici che vanno a riempire gli incavi lasciati dalle rughe.

– Creme antirughe: solitamente è la prima soluzione a cui si fa affidamento quando si vuole intervenire sulle prime rughe naso labiali e, per essere efficace e dare in tempi certi i primi validi risultati, dovrebbe contenere, innanzitutto, il già citato collagene in modo da offrire alla pelle il giusto rinforzo di quella proteina addetta alla sua tonicità ed elasticità. Altre creme utili per contrastare questo tipo di rughe sono quelle a base di vitamina A, E e C che sono degli antiossidanti naturali preposti a rallentare l’invecchiamento della pelle.

– Ginnastica facciale: prevede l’esecuzione di tutta una serie di esercizi mirati al rafforzamento dei muscoli del viso per migliorarne l’elasticità e farli apparire meno rilassati. Uno di questi esercizi consiste nel sollevare la pelle delle guance e, contemporaneamente, simulare il gesto di un bacio ripetendo l’operazione almeno per una trentina di volte consecutive.

– Filler all’acido ialuronico: chi desidera avere risultati immediati ma teme, per un motivo o per un altro, il ricorso alla medicina estetica, puo’ pensare di sottoporsi ad un trattamento a base di filler all’acido ialuronico che, essendo meno invasivo rispetto ad un intervento di chirurgia estetica, viene utilizzato da molti soggetti interessati a riempire definitivamente le rughe naso labiali.

Negli ultimi anni l’acido ialuronico ha riscosso molto successo per correggere vari inestetismi perché, trattandosi di una molecola che va a legarsi all’acqua presente nella nostra pelle, aumenta l’idratazione e l’elasticità di quest’ultima riempendone le rughe. Si tratta di un trattamento che non ha effetti collaterali visto che l’acido ialuronico è naturalmente prodotto dal nostro corpo – e, come il collagene, in misura sempre minore con il passare degli anni – e per questo motivo viene ben assorbito e tollerato. I filler all’acido ialuronico, per mantenere i risultati sperati, devono essere ripetuti periodicamente, in genere ogni 3 mesi o, nel caso di filler ad assorbimento lento, ogni 24 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *